mercoledì 30 gennaio 2008

Ortigia - Il cuore di Siracusa

Ortigia, una sera d’estate, cena all’aperto in piazza Duomo illuminata: è stato questo il mio primo, vero impatto con la città, e ne sono rimasta letteralmente affascinata!
Il cuore di Siracusa è tutto qui, nella sua parte antica: Ortigia.
La piccola isola, adagiata nel mar Jonio, tra il porto piccolo e il porto grande è un condensato di testimonianze delle vicissitudini storiche della città.
Qui si rifugiò la popolazione dopo la sottomissione Araba, e qui si sono alternate le diverse culture che hanno conferito a Ortigia l’aspetto attuale. In essa è rappresentata ogni epoca: dai primi insediamenti preistorici, alle costruzioni greche e bizantine, poi normanne, sveve, aragonesi e, infine, barocche.
È unita alla terraferma dal ponte nuovo che, superata la Darsena, porta all’ingresso dell’isola. Poco oltre, sorgono le rovine del tempio di Apollo, uno dei più antichi templi dorici della Sicilia.
Proseguendo, si arriva in Via Vittorio Veneto, quasi parallela al lungomare di Levante. Nella via si trovano una serie di nobili edifici barocchi, con i caratteristici balconi in ferro battuto, sorretti da mensole…è proprio il caso di camminare con gli occhi all’insù!
Da qui si riprende via della Maestranza, con palazzi dalle forme barocche, e si arriva nella piazza Archimede, con la fontana di Artemide.
Proseguendo si raggiunge Via Landolina, per ritrovarsi nella splendida Piazza Duomo.
Ha una forma allungata, semiellittica, e su uno dei lati si trova il Duomo, nello stesso sito dove sorgeva il tempio di Minerva, con porte d’avorio e d’oro, e le cui colonne sono ora inglobate nell’architettura della cattedrale.
Al suo interno è custodita, tra l’altro, una splendida statua argentea di S. Lucia, patrona della città, festeggiata il 13 Dicembre con grande partecipazione popolare.
Nella zona intorno alla piazza si trovano diversi palazzi nobili, con decorazioni e particolari architettonici molto interessanti.
Proseguendo si arriva alla Fonte Aretusa, tanto cara ai Siracusani, per la leggenda che è alla base della sua origine. Da qui, passeggiando sul lungomare, si può ammirare lo splendido panorama sull’insenatura del porto grande e sull’Etna.
Per avere un’idea di Ortigia, bisogna percorrerne le viuzze, entrare nei cortili dei palazzi, nei negozi, nelle enoteche, nelle chiese, passeggiare sul lungomare, sedersi ai tavoli nelle piazzette….
© Anna - righeblu ideeweekend

[Foto da web]

Itinerari: Taormina - gole dell'Alcantara - Siracusa (Ortigia) - Siracusa, Teatro greco - Siracusa (Fonte Aretusa), Fontane Bianche - Castello di Mussomeli - Castelli chiaramontani - Il Val di Noto

13 commenti:

JAJO ha detto...

Splendida !!! Un punto in più per la Sicilia contro la Sardegna per le prossime vacanze :-D
L'avevo vista in alcuni film (in Malena si vede bene) e ne ero già rimasto innamorato :-D
Jacopo

anna ha detto...

Jajo, una bella lotta ma, tra Sicilia e Sardegna, se dovessi scegliere, io mi affiderei alla sorte...sono splendide entrambe!
Però, visto che ti manca qualcosa della Sicilia, io ti consiglio Siracusa e tutto il Val di Noto!
E pensa alla cucina, al nero d'avola...
Non ti resta che organizzarti...

A presto

paola ha detto...

Bellissimo !!! mi fa sognare !!!
Mi piace molto questa luce e il cielo blu.
Baci
paola

anna ha detto...

Paola, allora siamo in due a sognare!!! Io, in particolare,
vorrei poter assistere alle rappresentazioni classiche, al teatro greco...
Un abbraccio :-)

caravaggio ha detto...

cè sulla piazza un palazzo nobiliare famoso e cantato da un gran scrittore o poeta,non mi viene in mente e l'annite! ciao

anna ha detto...

Caravaggio, ricordo un Palazzo dal cortile interno molto interessante, e con una particolare pavimentazione a mosaico... Poiché non sei la sola ad essere felicemente affetta da "annite", ho cercato su google e... dovrebbe essere il Palazzo Beneventano del Bosco...
Ciao e a presto

caravaggio ha detto...

si dovrebbe essere beneventano, ho sempre sentito a casa parlare du baruni beneventano e dovrebberci anche un palazzo a ct, e se una persona si dà le arie si dice ma si crede u baruni eccc...., x non riesco a ricordare chi ha descritto storicamebte? il palazzo , se ti và passa domanio dopodomani dal mio blog x posterò ricette di una festa che inizia il 12 gennaio e culmina il 3-4-5 ed è patrimonio antropologico unesco. ma sei sicula buona notte

anna ha detto...

Caravaggio, non so chi l'abbia descritto storicamente. Il palazzo è molto bello, io però l'ho visto solo superficialmente.
Non sono sicula ...
Buona notte

marcella candido cianchetti ha detto...

buon fine settimana preparati domani x nuova ricetta

Michelangelo ha detto...

Anna, i tuoi diversi scorci di Sicilia, stanno costruendo una guida insolita a questa terra straordinaria!
Continua così!

Michelangelo

anna ha detto...

- Marcella, grazie. Passo da te adesso... sono appena rientrata.

- Michelangelo, ti ringrazio. Forse alcuni post possono suggerire qualche meta interessante.

Patty53 ha detto...

Ciao Anna,sono stata ad Ortigia,citta anticha di Siracusa,,quella sensazione che tu hai provato quando sei entrata nella Piazza del Popolo l'ho provata anche io.
Quando sono entrata in questa piazza,di agosto,un sole cocente,donava alle statue gigantesche e alla facciata del Duomo un candore abbagliante, mentre,il silenzio,delle prime ore di pommeriggio,veviva interrotto dalle note inconfondibile della "vita è bella ,un signore sul lato suonava il violino, senza esagerazione, mi si è accaponata la pelle.
Mi è rimasto un ricordo bellissimo, ma non l'ho vista di notte.
Un abbraccio!!!

anna righeblu ha detto...

Patty53, una sensazione unica... in questi giorni la splendida piazza è molto frequentata: in occasione dell'imminente G8 ambiente, hanno allestito una rappresentazione, con un'opera in alluminio formata da enormi parti anatomiche a rappresentare un gigante che emerge dalle profondità della terra...

PS: di notte, Ortigia e la piazza sono ancor più affascinanti!

Un abbraccio

Related Posts with Thumbnails