martedì 27 maggio 2008

Voglia di mare

Sì, col caldo tremendo degli ultimi due giorni, io ho voglia di mare.
E voi?

video


OPPURE DA YOUTUBE





(... il video è montato con le mie foto e il brano musicale è: So easy dei Royksopp)

© Anna - righeblu ideeweekend

venerdì 23 maggio 2008

Music Meme: le “mie” 5 migliori canzoni

Giovanna, di Lost in kitchen, mi ha passato questo meme e così, anche se non ho molto da dire in fatto di musica, posso indicare quelle che, nel tempo, sono tra le canzoni che ascolto sempre volentieri.
Non di tutte ma, di alcune, posso dire che hanno segnato le fasi della mia storia evolutiva, dalla fanciullezza-adolescenza alla maturità, o che, comunque, mi fanno venire i brividi anche se le ascolto di rado.
Ne avrei più di 5 e potrei indicare subito tutte quelle di Enya ma, ragionando, son venute fuori queste, in ordine casuale-temporale:

1. “I say a little prayer” di Aretha Franklin o di Dionne Warwick



2. “Imagine” di John Lennon…
3. “Yesterday” dei Beatles
4. “Bohemian Rapsody” dei Queen
5. “Mrs. Robinson” e "Sound of silence" di Simon and Garfunkel

Passo il meme volentieri, se vorranno raccogliere l’invito, a:

Popale (perché di musica se ne intende davvero) di "Il cerchio di fuoco"
Giovanna di "Caramelle non ne voglio più"
Cipolla di "Gustosamente"
Elisabetta di "Panemiele"
Le Franc buveur di "Le franc buveur".

...E, se non sapessi che è sempre al galòp, mi piacerebbe tanto invitare anche Mitì, la mitica Placida Signora


© Anna – righeblu ideeweekend

lunedì 19 maggio 2008

Otranto e...

Ancora Puglia, qualche immagine di Otranto e un'intrusa... Quale?
Il grande mosaico pavimentale della cattedrale di Otranto

per Michelangelo: la chiesetta di S. Pietro
© Anna - righeblu ideeweekend

Itinerari: Alberobello - Ostuni - Lecce - Gallipoli - Presicce - Copertino - Otranto

giovedì 8 maggio 2008

I trappeti di Presicce

A Presicce il sottosuolo è percorso da cunicoli di grotte scavate nella roccia, resti di quelli che anticamente erano i tradizionali frantoi salentini, i “trappeti”.
Si tratta di frantoi ipogei utilizzati in epoche storiche e, secondo alcune testimonianze, fino ai primi anni del 1900.
La scelta di creare i trappeti nel sottosuolo si deve non solo alla necessità di creare le migliori condizioni per la conservazione dell’olio, ma anche a questioni di natura economica.
Lo scavo, infatti, richiedeva manodopera meno esperta e più a buon mercato.
I locali, illuminati solo dalle lanterne e poco aerati, erano organizzati per la molitura e per ospitare gli animali e gli operai. Questi ultimi vi trascorrevano periodi molto lunghi, da Novembre a Maggio, e tornavano in famiglia solo per le festività più importanti di Natale e Capodanno.
Un lavoro duro in condizioni difficili, in luoghi che oggi sono stati rivalutati quali simboli di una cultura legata alla sobrietà, al lavoro e alle tradizioni della propria terra. Oltre ai trappeti, a Presicce si può visitare il museo della civiltà contadina, ospitato nel palazzo ducale e, passeggiando nelle viuzze del piccolo centro, si possono ammirare le facciate di antichi e nobili palazzi e alcune chiese barocche come Sant’Andrea e Santa Maria degli Angeli. © Anna - righeblu ideeweekend

Itinerari: Alberobello - Ostuni - Lecce - Gallipoli - Presicce - Otranto - Copertino
Related Posts with Thumbnails